Duplicazione chiavi e vendita casseforti dal 1954

Blog

Problemi con la duplicazione del telecomando universale per chiavi

Pubblicata il 18-05-2022

Problemi con la duplicazione del telecomando universale per chiavi

Problemi con la duplicazione del telecomando universale per chiavi

Spesso accade che non si riesca a produrre una copia del proprio telecomando collegato a un’automazione, che sia questa un cancello elettrico o l’apertura centralizzata di un veicolo.


Per questo motivo, con questo articolo cercheremo di spiegare brevemente come non commettere errori e in che modo sarà possibile realizzare un duplicato, al fine di ottenere un prodotto capace di azionare il nostro meccanismo di apertura, esattamente come fa il telecomando già in proprio possesso.

Copiare un telecomando: una soluzione sempre possibile

Ogni tipo di automazione può essere accoppiata a uno o più diversi telecomandi. Infatti, nessun costruttore di meccanismi azionabili attraverso questo pratico sistema avrà l’intenzione di impedire la copia del nostro telecomando. Per questo motivo è sempre possibile copiare i telecomandi in modo da abbinarli alle proprie automazioni in caso di necessità.

Telecomandi Rolling Code: duplicarli è possibile

Come accennato in precedenza, tutte le automazioni possono disporre di più telecomandi differenti anche con una codifica rolling code.Esiste solamente una casistica nella quale un telecomando rolling code, che sia compatibile con il sistema ricevente, non renda possibile la creazione di un duplicato, ovvero nel caso in cui la memoria dell’impianto di ricezione sia ormai piena. Infatti, moltissime riceventi basate su codifica rolling code accettano un numero massimo di telecomandi registrati, quando la memoria sarà satura dunque non accetterà più nuove registrazioni.
Solitamente il numero limite di accoppiamenti possibili è pari a ben 255, tuttavia nel caso in cui venga registrato più volte il medesimo telecomando si andranno a occupare più slot. In ogni caso, una volta esaurita tutta la memoria sarà possibile aggiungerne una seconda o una terza in base alle specifiche necessità. Dunque la soluzione a questo problema è disponibile e facilmente fruibile.

Problemi durante la duplicazione del telecomando

In alcuni casi è possibile tralasciare qualche particolare durante l’operazione di copia del proprio telecomando, ad esempio le batterie del dispositivo da duplicare non pienamente cariche. In questa situazione è sempre consigliato sostituire le batterie del proprio telecomando immediatamente prima di avviare l’operazione utile per ottenere un duplicato funzionante. Altre volte bisognerà essere in prossimità del sistema che si occuperà di ricevere i segnali trasmessi, questa procedura serve per conferire al nuovo telecomando l’autorizzazione da parte della ricevente. Infine, spesso accade che venga acquistato per errore un telecomando non compatibile con il precedente, ad esempio acquistandone uno molto simile ma che malauguratamente funziona basandosi su una frequenza differente. Quindi, i problemi relativi alla duplicazione di un telecomando destinato a un’automazione di qualunque tipo derivano spesso da alcuni errori commessi durante le stesse operazioni necessarie alla sua copia. Infatti, molto raramente sarà il nuovo telecomando a non accettare il suo predecessore, caso in cui andrà sfruttata la garanzia, qualora presente, e andare a sostituirlo con uno nuovo e pienamente funzionante.


Torna indietro
preventivo casseforti muro intervento recensioni